Simulazione accoppiamenti

Un nuovo servizio realizzato nell’ambito del Progetto EQUINBIO è la simulazione degli accoppiamenti con Optimal Contribution Selection, funzionante al sito:

EQUINBIO-BARDIGIANO.IT

L’Optimal Contribution Selection (O.C.S.), è un metodo di selezione degli stalloni che, a condizione di bassa parentela e consanguineità, individua i riproduttori con i più alti meriti genetici. Tramite l’O.C.S. è possibile massimizzare il merito genetico mantenendo la consanguineità nella generazione successiva al di sotto del valore soglia, per non incorrere in perdite di capacità produttive e riproduttive.

Gli allevatori hanno quindi un supporto tecnico fondamentale per la selezione e il mantenimento del patrimonio genetico della razza: inserendo la matricola di una fattrice, verrà prodotto un elenco di stalloni che, se accoppiati con lei, produrranno figli con consanguineità inferiore od uguale alla soglia stabilita; tali stalloni sono riportati in ordine decrescente di merito genetico (Indice Genetico Globale).

Per consanguineità si intende l’accoppiamento fra individui parenti, ovvero fra soggetti che condividono uno o più antenati comuni. Da questo accoppiamento risulteranno soggetti con un coefficiente di consanguineità, che definisce la probabilità che due alleli in un gene siano identici per discendenza, ovvero provengano da un antenato in comune fra lo stallone e la fattrice. La consanguineità a livello individuale si può stimare dalle informazioni genealogiche, andando a verificare se i genitori condividono uguali linee di discendenza.

La F.A.O. (Food and Agriculture Organization of the United Nations) è l’agenzia specializzata delle Nazioni Unite che ha lo scopo, tra gli altri, di contribuire ad aumentare la produttività agricola; consiglia che l’incremento di consanguineità medio da generazione a generazione non superi l’1%. Considerando che l’attuale valore medio di consanguineità della popolazione dei cavalli Bardigiani è circa il 10%, il calcolo di simulazione accoppiamenti con O.C.S. fornirà un elenco di stalloni che, se accoppiati con la fattrice inserita, produrranno figli con consanguineità inferiore o uguale al 10%.

Stabilita tale soglia, che sarà aggiornata periodicamente in base al valore medio della popolazione, per massimizzare il merito genetico vengono utilizzati per le simulazioni solo stalloni con indice genetico globale positivo (maggiore di 0).

L'indice di parentela tra due riproduttori, se studiato insieme all’indice genetico, ottimizza i piani di accoppiamento garantendo progresso genetico senza però aumentare la consanguineità. Gli accoppiamenti tra animali strettamente imparentati portano tendenzialmente a produrre prole più delicata e meno efficiente, soprattutto per caratteri a bassa ereditabilità quali ad esempio la prolificità e la resistenza alle malattie. Occorre però ricordare che 2 soggetti, ciascuno con alta consanguineità, non è detto che riproducendosi insieme producano figli con consanguineità ancora più alta: se infatti le loro linee di sangue sono totalmente diverse, i figli avranno consanguineità pari a zero.

Ufficio Centrale Libro Genealogico Cavallo Bardigiano con supporto scientifico della dr.ssa Michela Ablondi del Dipartimento di Scienze Medico-Veterinarie, Università di Parma.